Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

La Fifa che ha assegnato i Mondiali non c'è più

mondiali qatar.jpeg

Su Qatar22 interviene Evelina Christillin, membro Uefa nel board Fifa: 'Infantino stia più attento'

"Non bisogna mai spegnere le speranze e le aspettative di paesi che non hanno mai fatto parte dell'universo calcio. Ci si indigna giustamente di altri valori che non sono quelli del calcio, come i diritti dei lavoratori e della comunità gay. Ricordiamo anche che la Fifa del 2010 non esiste più, è stata completamente spazzata via: quelle persone che hanno reso possibile l'assegnazione dei Mondiali al Qatar non fanno più parte dell'organismo Fifa". Lo dice a "Radio Anch'io sport" di Radio 1 Rai Evelina Christillin, membro Uefa nel board Fifa.

"Perché andare in Qatar? Guardate anche le Olimpiadi, sempre assegnate negli ultimi anni a paesi non esattamente in testa alla graduatoria dei diritti civili. Anche la Cina stessa, con i Mondiali, non è riuscita a creare una cultura calcistica che testimoniasse come quegli sforzi avessero avuto un senso anche in senso sportivo. Il Qatar importerà del calcio europeo e sudamericano per avere delle manifestazioni lì, però è un po' pochino rispetto allo sforzo enorme finanziario per mettere in piedi questo mondiale".

I tempi dei recuperi, ai mondiali, "sono decisamente troppo lunghi, soprattutto quelli alla fine del primo tempo" ribadisce Evelina Christillin, membro Uefa nel board Fifa. "Forse non c'è ancora una grande preparazione al Var, ci si mette troppo tempo. Mi sembra ci siano delle lentezze dovute alla paura di prendere decisioni troppo in fretta". A Infantino, inoltre, "direi di fare un po' di attenzione in conferenza stampa, lui solitamente è un uomo riflessivo, forse si è lasciato troppo andare. Gli suggerirei anche una maggiore apertura sulla questione dei colori".

"Ho visto tante belle partite, un'unica squadra non è stata all'altezza del valore complessivo: il Qatar, infatti già eliminato. Quello che è stato fatto a livello infrastrutturale e di strutture non si può dire altrettanto della squadra del Qatar. Complessivamente direi che il livello globale del calcio è sicuramente migliorato, anche se il calcio europeo continua ad essere la punta di diamante rispetto a tutto il resto " chiude. 

28 Novembre
Foto: pixabay
Autore
Claudio Mascagni

Commenti