Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Il Pagante è 'Devastante', esce il nuovo album

il pagante.jpg

Il terzo disco del collettivo formato da Roberta Branchini, Federica Napoli e Eddy Veerus è pieno di collaborazioni e di attualità

Si intitola “Devastante”, il nuovo album de Il Pagante, il progetto formato da Roberta Branchini, Federica Napoli e Eddy Veerus. La title track “Devastante” featuring M¥ss Keta sarà anche il nuovo singolo, disponibile per la programmazione radiofonica da domani, 21 gennaio. Terzo album de Il Pagante in in 13 anni di carriera (10 dal primo singolo pubblicato), 'Devastante' contiene in tutto 11 tracce: “Gente de La Mañana”, “Se Fem?”, “Portofino”, “Open Bar” feat Stash, “Italiani a Londra” feat. J-Ax, “Smart Working”, “La Grande Bellezza” feat. Carl Brave, “Un Pacco per te” feat. Lorella Cuccarini, “No va be” feat. Vegas Jones & Chadia Rodriguez, “San Siro” feat Jake La Furia, “Devastante” Feat M¥ss Keta.

Per chi non lo sapesse, il gruppo Il Pagante nasce nel 2010 come una pagina Facebook con il solo scopo di ironizzare sullo stile di vita dei milanesi, a partire dal mondo dei PR e dei paganti, coloro che acquistano i biglietti per entrare in discoteca. Da qui il nome Il Pagante. Dietro a questo nome però ci sono dei creativi. I fondatori, infatti, sono Giordano Cremona (poi membro del collettivo Merk & Kremont conosciuto in tutto il mondo), Guglielmo Panzera e Alfredo Tomasi (che fondano assieme la E Ventures srl, con cui successivamente produrranno i video e organizzeranno i concerti del gruppo), a cui si aggiungono due cantanti, Roberta Branchini e Federica Napoli.

Parlando dei brani del disco, Eddy (autore e producer del gruppo), Federica e Roberta hanno raccontato: “Devastante non vuole essere un concept album, anche se ancora una volta fotografa un momento esatto della società del nostro paese, le sue manie e le sue debolezze, ma nasce dalla volontà di raccogliere brani scritti e pensati durante un lungo periodo. Devastante ci è sembrato il titolo più giusto per raccogliere questi brani, queste storie”.

20 Gennaio
Autore
Pasquale Lattarulo

Commenti