Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

La Russia attacca il Papa

papa-francesco_.jpg

Un anchorman sollecita critiche dei musulmani, il ministro Lavvrov critica le parole del pontefice

L'anchor russo Vladimir Solovyov attacca il Pontefice per le osservazioni sui buriati e i ceceni come forse i più crudeli in Ucraina e sollecita critiche da parte dei "pensatori musulmani".

"L'ortodossia differisce dal cattolicesimo come la vita dalla morte, come ha detto Berdyayev (il filosofo, ndr). Il cattolicesimo, nella forma in cui è nato ed esiste ora, porta morte, la morte della civiltà russa", ha affermato Solovyov.

"Per la prima volta da anni il Papa si è sentito libero di fare commenti totalmente inaccettabili e fondamentalmente razzisti sui buriati e i ceceni offendendo le loro radici storiche e religiose, offendendo il buddismo e l'islam. Non vedo ancora dure condanne dai pensatori musulmano fuori dalla Russia, ma devono dire qualcosa in risposta al Papa", ha aggiunto il giornalista della televisione russa.

Le parole del Papa sulla "crudeltà" di ceceni e buriati sono "non cristiane". Il nuovo attacco contro Francesco arriva dal ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, che in una conferenza stampa ha detto: "Il Papa invita al dialogo, ma di recente ha anche fatto una dichiarazione incomprensibile, completamente non cristiana, individuando due nazionalità russe in una categoria da cui ci si può aspettare atrocità durante le ostilità". Secondo il capo della diplomazia di Mosca, "naturalmente questo non aiuta la causa e l'autorità della Santa Sede".

1 Dicembre
Autore
Giada Giacomelli

Commenti