Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Johnson chiama l'Europa all'unità

schloss-elmau.jpg

Il leader inglese sottolinea la necessità di una continua unità in risposta alla guerra in Ucraina

Boris Johnson sottolinea la necessità di una continua unità in risposta alla guerra in Ucraina. "Obiettivamente, ci sarà stanchezza nelle popolazioni e nei politici", ha dichiarato a Schloss Elmau, dove si tiene il vertice del G7.

"Penso che la pressione e l'ansia ci siano, dobbiamo essere onesti su questo. Ma la cosa più incredibile del modo in cui l'Occidente ha risposto all'invasione dell'Ucraina da parte di Putin è stata l'unità: la Nato è rimasta solida, il G7 è stato solido e noi continuiamo ad essere solidi".

"Ma per proteggere quell'unità, per farla funzionare - ha aggiunto - dobbiamo avere discussioni veramente oneste sulle implicazioni di ciò che sta succedendo, le pressioni che sentono i singoli partner, che le popolazioni sentono - sia sui costi dell'energia sia sul cibo o altro".

Intanto l'Unione Europea si è "è pronta a guardare i dettagli e vedere se sarà possibile prendere di mira" con sanzioni l'oro esportato dalla Russia, come proposto dagli Usa, "in modo da danneggiare Mosca e non danneggiare noi stessi". Lo dice il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel, in conferenza stampa a margine del G7 nel resort di lusso di Elmau, nelle Alpi bavaresi, che si chiuderà martedì.

E nella relazione tra usa e Germania ecco che "penso che possiamo superare tutto questo e uscirne più forti". A dichiararlo è stato il presidente americano Joe Biden, nel corso di un bilaterale con il cancelliere tedesco Olaf Scholz a margine dei lavori del G7 a Schloss Elmau, in Baviera. Ciò su cui il presidente russo Vladimir Putin "ha contato fin dall'inizio è che la Nato e il G7 si sarebbero divisi, ma non lo faremo, quindi grazie", ha aggiunto rivolto all'interlocutore.

27 Giugno
Autore
Claudio Mascagni

Commenti