Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Lussemburgo: legalizzata la marijuana, è primo Paese in Europa

cannabis-g40fb85fa0_1920.jpg

Consentito crescere fino a quattro piante per il consumo individuale, 'colpo a mercato nero'

Il governo del Lussemburgo ha annunciato una legge che legalizza la produzione ed il consumo individuale di cannabis, permettendo ai cittadini adulti di coltivare fino a quattro piante di marijuana: è la prima volta che in Europa si approva una misura che legalizza l'uso ricreativo della marijuana, per colpire il mercato illegale.

"Abbiamo pensato che dovevamo agire, abbiamo un problema con la droga e la cannabis è la droga più usata e costituisce una grande parte del mercato illegale", ha dichiarato il ministro della Giustizia, Sam Tamson, spiegando che "l'idea è che, permettendo alle persone di coltivare la marijuana in casa, il consumatore non si troverà in una situazione illegale, non sosterrà un'intera catena dalla produzione al trasporto ed alla vendita, a cui sono legate molte situazioni misere".

"Vogliamo fare tutto il possibile per allontanarci sempre più dal mercato nero", ha aggiunto spiegando che anche la vendita dei semi sarà liberalizzata senza limiti di quantità di livello di Thc, il principio attivo della cannabis. I semi potranno essere comprati in negozi, importati o comprati online.

Si manterrà comunque il divieto di consumo e trasporto della marijuana in luoghi pubblici e del commercio, anche a titolo gratuito, dei prodotti della cannabis, semi esclusi. I consumatori quindi potranno coltivare e consumare la marijuana nelle loro abitazioni, su balconi, terrazzi e giardini.

In ogni caso, la legge prevede una riduzione da reato ad infrazione del consumo e trasporto di modica quantità, fino a 3 grammi. Con le multe che scenderanno ad appena 25 euro, rispetto alla somma che va da 251 a 2500 attuali. "Ma sopra i tre grammi non cambia nulla, si è considerati spacciatori - ha avvisato il ministro della Giustizia - niente cambia anche se si è fermati alla guida di un'auto: tolleranza zero".

22 Ottobre
Foto: pixabay
Autore
Claudio Mascagni

Commenti